Ancora un successo per A Tutto Volume

Pubblico straripante agli incontri con gli scrittori e conclusione ad effetto con un partecipato pugilato letterario su “I promessi sposi”

Immersi nella magnificenza dei Giardini Iblei, gremiti fino a tarda notte, ieri sera è calato il sipario sulla sesta edizione di “A tutto volume – libri in festa a Ragusa”, il festival letterario ideato da Alessandro Di Salvo e promosso dalla Fondazione degli Archi.
Segnato da una partecipazione straordinaria di pubblico sin dall’apertura di venerdì 12 giugno, si è registrata una vendita record di libri, più volte andati esauriti sui banchetti organizzati dalle librerie.

“A Tutto volume” ha centrato di nuovo i suoi obiettivi, ossia stimolare attraverso i libri e gli autori il dibattito pubblico. In molti hanno riscoperto il gusto della piazza intesa come luogo fisico di incontro per la discussione, l’approfondimento e lo scambio di opinioni, che negli ultimi anni si è spostato in spazi immateriali come la rete e i social network. Inoltre la manifestazione riesce a valorizzare i luoghi più suggestivi della città, spesso sconosciuti dagli stessi ragusani che li scoprono per la prima volta. Molti i turisti arrivati da tutta la Sicilia e dal territorio nazionale, ammirati dalla bellezza e dall’accoglienza della città iblea.

La manifestazione si è conclusa con un avvincente duello di pugilato letterario su “I promessi sposi” tra Marco Ardemagni e Tiziano Scarpa sfidandosi, con il divertente arbitraggio di Eugenio Canton, fino all’ultimo round, preceduto dall’attesissimo incontro con Andrea Scanzi.
Centinaia di persone hanno occupato i viali e i prati attorno allo speciale palco composto da libri giganti. Per tutta la giornata di ieri, Ibla, l’antica città barocca, che come da tradizione accoglie tra i suoi monumenti, piazze e angoli suggestivi, la terza e ultima giornata della rassegna, ha visto un fiume di persone pronte a partecipare con grande interesse e attenzione agli incontri. Dallo speciale per Expo con Gelasio Gaetani D’Aragona, Pino Cuttaia, Niko Romito nell’Antico Convento dei Cappuccini a Guido Conti alla Chiesa di San Giacomo immersa nei Giardini Iblei. Tutto pieno anche per Chiara Saraceno all’Auditorium di San Vincenzo Ferreri, per Francesco Viviano in Piazza Pola e per Pietro Leveratto nella Chiesa di Santa Teresa.

Non sono state da meno le prime due giornate del festival nel centro storico di Ragusa Superiore che si è ravviato e animato, affollato fino a tarda notte grazie ai libri e agli scrittori. Piazza San Giovanni, sovrastata dalla maestosa cattedrale, è diventata un anfiteatro a cielo aperto già a partire dall’inaugurazione con Gherardo Colombo sino all’ultimo appuntamento di sabato sera alla presenza di un folto pubblico, emozionato e rapito dal live di “Parole Note”, programma di Radio Capital con Giancarlo Cattaneo, Mario De Santis e Maurizio Rossato. E ancora dibattiti, storie, racconti, confronti, approfondimenti con Silvia Truzzi, Pietrangelo Buttafuoco, Massimo Fini, Tiziano Scarpa, Michela Marzano, Diego Fusaro sul sagrato della chiesa, mentre nei suoi bellissimi giardini laterali i bambini hanno potuto ascoltare le letture ad alta voce di Carla Ghisalberti degli albi illustrati di Laurent Moreau. Successo anche sul Ponte dei Cappuccini con Roberto Cotroneo, Filippo Facci, Cristina Cassar Scalia così come per gli incontri in Piazza Matteotti, meglio conosciuta come Piazza delle Poste, con Giulietto Chiesa e Massimo Fini. Straripanti il cortile della Prefettura con Antonio Caprarica, la Chiesa della Badia per Raniero La Valle e il giardino del Vescovado dove con Lidia Undiemi è intervenuto Roberto Scarpinato. I luoghi, come Via Roma, normalmente destinati al passeggio e allo shopping hanno ospitato gli incontri di Vincenzo Imperatore, Antonio Manzini, Alessandro Robecchi, mentre in Via Mariannina Coffa spazio alla poesia contemporanea con Diego Conticello e altri giovani autori. Al winebar GirodiVite la presentazione della raccolta completa di fiabe di Luigi Capuana.

Gli editori presenti quest’anno sono stati Bompiani, Chiarelettere, Donzelli, Effige, Feltrinelli, Garzanti Libri, Giunti, Il Saggiatore, Longanesi, Marcos y Marcos, Marsilio, Mesogea, Mondadori, Orecchio Acerbo, Piemme, Ponte alle Grazie, Rizzoli, Sellerio, Sperling & Kupfer, Utet.

Molto partecipati anche i numerosi incontri del variegato programma collaterale Extra Volume che hanno evidenziato il fermento culturale che il territorio ragusano sta vivendo in questi anni. Da sottolineare l’importante apporto offerto da 35 volontari dell’associazione Youpolis Sicilia che hanno presidiato i vari incontri e aiutato anche dal punto di vista logistico.

La manifestazione, promossa dalla Fondazione degli Archi, è patrocinata dal Comune di Ragusa, sostenuta dalla Camera di Commercio, dalla Banca Agricola Popolare di Ragusa, dalla Si.sac e da altri importanti partner privati del territorio. Il festival si realizza anche grazie a una forte e originale spinta popolare: il “Comitato per A Tutto Volume”, costituito da un gruppo di cittadini impegnati ormai da tre edizioni a convogliare risorse umane ed economiche per il successo della manifestazione.
La settima edizione avrà luogo dal 17 al 19 giugno 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *